FOLLOWERS del mio blog

mercoledì 13 febbraio 2019

Il Carosello sulle tovagliette.

Ve lo ricordate questo personaggio chiamato "La Linea"
ideato da Osvaldo Cavandoli?

Divenne famoso negli anni '70 grazie alle pubblicità
trasmesse per i Carosello della RAI.
Il titolare della famosa industria di pentole a pressione
"Lagostina" lo volle protagonista per i suoi spot,
questo vivace personaggio dal naso espressivo
figlio di una matita e di una mano
ci ha tenuto compagnia per tanti anni.
  


 Questo omino nel suo cammino incontra numerosi ostacoli
e spesso si rivolge al disegnatore
in un linguaggio incomprensibile 
usando comiche imprecazioni e borbottii
affinché gli disegni la soluzione ai suoi problemi.


Io mi sono impossessata di questo fumetto
 per personalizzare
due tovagliette americane
che trovo davvero originali....
in linea con la festa di San Valentino.


Le ho realizzate con la tecnica del free motion
il ricamo a macchina a mano libera.


.

Il mio fumetto è estremamente sorridente.....
forse ha trovato l'amore o lo sta catturando....
il fatto è che l'amore rende tutti felici!


Un abbraccio, Gabry.

giovedì 7 febbraio 2019

Copricaloriferi Shabby

E' bello avere una casa che sprigiona 
calore e semplicità,
ci sono alcuni dettagli e particolari
che ci permettono di creare quest'atmosfera ospitale
dove è bello tornare e accogliere le persone.

Lo stile Shabby Chic 
è un' arredamento dal gusto country
estremamente romantico,
ricco di merletti e fiori in stile retrò.

Ho realizzato per un'amica dei copri termosifoni Shabby
usando stoffe dai colori neutri, pizzi, fiocchi,
minuscole roselline fatte a mano e naturalmente
tanti cuori.....



 
Approfitto di questo post
per mandare
un CALDO abbraccio
alle persone importanti 
della nostra vita,
quelle che con un semplice SORRISO
ci riscaldano il CUORE,
anche nelle giornate più fredde!

 
                     


Le persone sono un rifugio, 
e tra tutti alcune, una casa.
Casa dove riposano i pensieri, dove non c'è da calcolare, misurare, soppesare. 



Una casa dove puoi mettere 
in pigiama la mente, 
i riflessi
 e goderti il tepore di un camino acceso. 
E' il cuore.


Ci son persone così, 
così vicine che son casa, 
calore, camino acceso... e tu stai in pantofole a goderne, 
spettinato, arrabbiato o felice,
e riposi dal mondo, 
dai perchè.



 Persone così, son amici speciali
per cui vale la pena di sperare, 
vivere e lottare.

Stephen Littleword

 
  
 

Un abbraccio a tutti, Gabry

mercoledì 19 dicembre 2018

Dolci regali di stoffa

Siamo ormai prossimi alle feste di Natale
è tempo di pensare anche ai piccoli regali,
quelli per far felici amiche e colleghe, 
...ecco dei dolcetti inaspettati
 che però non faranno ingrassare!



Guanti da forno e presine a guanto,
il protagonista è il CUPCAKE!


Quando penso al Natale
penso al colore rosso,
Rosso come Babbo Natale,
come le Stelle di Natale
e quindi anche questi accessori
son di rosso vestiti!!!





E poi ho fatto la versione da abbinare
alla cucina bianca o grigia...

Le gradazioni di grigio
enfatizzano il bianco
e mettono in risalto gli altri colori.








La mia infornata di guanti e presine
è terminata!
Sono o non sono una delizia?



Un bacio, Gabry

martedì 4 dicembre 2018

E' tempo di GNOMIIII !!!

C'è chi crede nelle fate e chi no,
ma a Natale tutti amano ascoltare racconti e storie
sugli gnomi, questi piccoli ometti saggi e ingegnosi
con la barba lunga e un cappello a punta.
Era da molto che volevo farne,
....mi è bastato incominciare
e non finivo più!!!!!



Dovete sapere che ogni paese ha una storia 
sugli gnomi da raccontare,
ad esempio secondo la tradizione Irlandese, 
i "Leprechaun", così vengono chiamati, 
che significa "piccolo spirito",
 sono spesso associati a luoghi dove sono presenti
i cosiddetti "anelli magici",
essi sono considerati parte del "popolo delle fate".




La leggenda narra che camminano nei boschi,
portando con sé una bisaccia magica:
essa contiene uno scellino,
ogni volta che questo viene speso,
magicamente se ne ritrova un' altro 
nella stessa borsa a tracolla.
 


Uno gnomo in giardino

Leggenda olandese


Nell'Olanda del Nord viveva un modesto mugnaio che lavorava da mattina a sera per soddisfare i bisogni della sua famiglia.
Una volta, mentre era intento al lavoro, udì una vocina che chiedeva disperatamente aiuto. Il mugnaio si precipitò nella direzione da cui proveniva l'invocazione e, con grande stupore, vide un esserino simile a una bambola che stava per essere schiacciato dalla macina del mulino. Senza pensare ai danni che avrebbe potuto subire, immediatamente l'uomo allungò un braccio traendo in salvo la piccolissima creatura.
Appena l'ebbe tra le mani, si accorse che si trattava di una gnoma. La minuscola donna lo guardò ancora tremante; il mugnaio l'accarezzò con la sua mano callosa delicatamente, quasi per paura di farle del male.
La gnoma si tranquillizzò, gli sorrise e poi fuggì via, lasciando l'uomo col dubbio di aver sognato ogni cosa.
Trascorsero solo pochi minuti quando ecco riapparire la gnoma, seguita da tanti ometti simili a lei. Il più anziano disse al mugnaio:
- Hai salvato la vita a mia moglie perciò noi ti saremo grati per tutta la vita. Se ci permetterai di abitare nel tuo mulino non avrai mai a pentirtene.
L'uomo, ancora sbalordito, riuscì solo a balbettare: - Ma... sì, certamente. Restate finché volete...
Da quel giorno la famiglia degli gnomi stabilì la sua dimora in mezzo alle scure, tiepide travi del mulino a vento.
Gli ometti stavano attenti che non scoppiassero incendi e avvertivano il loro amico del sopraggiungere di temporali o di bufere di neve; il mugnaio poteva legare così le pale del mulino ed evitare danni.
Se qualcuno dei familiari del mugnaio si ammalava, lo gnomo portava erbe medicinali capaci di curare ogni malattia. A volte bastava che appoggiasse la sua piccola mano rugosa sulla fronte dell'ammalato perché questo guarisse immediatamente.
Insomma andava tutto bene al mulino e anche a livello economico il mugnaio non aveva più alcun problema.


Il suo benessere e la sua tranquillità suscitarono l'invidia di alcuni vicini, i quali misero in giro la voce che l'uomo si dedicava alla magia nera. C'era gente che non prestava orecchio a questi pettegolezzi, ma le chiacchiere comunque continuavano alienando molte simpatie al mugnaio e ai suoi familiari.
Nella casa di uno dei vicini più gelosi e maldicenti abitava Lisa, una bambina di undici anni, con le trecce bionde come il grano. Era una ragazzina dolce e paziente; conosceva tutto sugli animali e sulle piante e riusciva a modellare l'argilla con rara abilità. Il suo animo gentile e la sua disponibilità verso gli altri rendevano difficile credere che fosse figlia di genitori così gretti e di mentalità tanto ottusa, ma purtroppo a volte capita.
La graziosa ragazza aveva sentito tutte le storie che circolavano nel suo villaggio sul mugnaio e sulla sua fortuna. Aveva subito capito che il benessere di quell'uomo e della sua famiglia era opera degli gnomi e non della magia nera, come gli altri volevano far credere.

Più di ogni cosa al mondo Lisa avrebbe desiderato avere uno gnomo tutto per sé; ma questo non era possibile perché, a causa dei suoi insopportabili genitori, i magici omini non si sarebbero mai fermati in casa sua.
Un giorno la ragazza modellò con l'argilla uno gnomo a grandezza naturale e lo portò a cuocere nel forno del vasaio, che fu felice di poterle fare un favore.
Quando l’ebbe riavuto, Lisa dipinse il cappello dello gnomo di blu, la blusa di rosso e i calzoni di verde come gli stivali. Intagliò anche nel legno una piccola carriola e la sistemò con la statuetta nel giardino di casa. I suoi genitori risero di tutto questo, ma non osarono togliere la statua. Gli gnomi del mulino corsero subito nel giardino di Lisa a vederla, appena lo vennero a sapere. Si commossero molto e, per dimostrare alla ragazza la loro simpatia e gratitudine, ogni mese da quella volta le portarono un regalo.
Col passare degli anni la dolcezza e la forza di carattere della giovinetta ebbero un'influenza così benefica che i suoi genitori diventarono più aperti e generosi. Come risultato e con una certa fortuna, divennero anche più ricchi.
Ma come sempre ci furono quelli che interpretarono tutto questo a modo loro e cominciarono a dire in giro: - Chi ha una statua di gnomo nel giardino diventa ricco.
Tutte sciocchezze, lo capirete bene. Ma idee del genere trovano terreno fertile tra la gente.
E perciò da allora è nata la tradizione in alcune famiglie di mettere in giardino la statua di uno gnomo, con o senza carriola, in attesa della buona fortuna!





Un abbraccio a tutti,
Gabry.

sabato 1 dicembre 2018

Calendario dell'avvento e Angelo del Natale

Ed ecco arrivato dicembre
insieme alla magia del Natale.
Anche quest'anno a casa mia
è stato appeso un nuovo 
calendario dell'Avvento realizzato in stoffa.

Ho trovato questo stupendo pannello Makover 
e non ho saputo resistere,
in fiera Creattiva se ne trovavano di bellissimi
con varie fantasie.


E' di tessuto americano,
io ho scelto questo villaggio del Natale
composto da tante taschine decorate
pronte da tagliare e cucire.




 Basta aggiungere un supporto in tessuto e dell'ovatta
quindi creare un passanastro sul retro per poter
inserire l'asticella che servirà per appenderlo.


Le tasche si applicano a soffietto
in modo da poter inserire i vari dolcetti.


Ma come possiamo lasciare che arrivi il Natale
senza un Angelo in casa......

"Un grande angelo discende dal cielo,
per invitare gli abitanti della terra a prepararsi per il Natale."





Tra le mani ho messo una "Corona dell'avvento", 
 si dice sia simbolo di eternità e unità,
è anche un segno di regalità e vittoria.

Da un lato il circolo indica anche
che sta per nascere Gesù che è il re 
che vince le tenebre con la sua luce.


Al mio Angelo freddoloso ho fatto indossare
un morbido maglioncino con dettagli in pizzo,
per completare il look giovane
varie gonnelline vaporose. 


Ma per non lasciarlo impreparato 
alle freddi notti di dicembre
anche un paraorecchie con morbido pelo.


Mentre ai piedi degli stivaletti
a pois che ricordano la neve. 




Non mi resta che augurarvi
buon Avvento!
Gabriella.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...